Le latifoglie

In un bosco di latifoglieNome scientifico: Angiospermae.
Le Angiospermae comprendono le piante comunemente chiamate latifoglie per la forma espansa che hanno generalmente le loro foglie in contrapposizione a quelle aghiformi   delle Gymnospermae. La parola Angiospermae significa pianta con ovuli chiusi da un ovario e con semi raccolti in un frutto.
Le latifoglie possono essere piante erbacee o legnose, arbustive od arboree, a foglie persistenti o caduche. Le foglie possono avere forma molto variabile: essere semplici cio╦ costituite da una foglia sola o essere composte e quindi formate da piś foglioline.
I fiori maschili e femminili possono essere uniti o separati e in quest'ultimo caso possono ritrovarsi entrambi sulla medesima pianta oppure su piante differenti. Le latifoglie hanno la capacitř, variabile secondo la specie, di poter far ricrescere i germogli dalla ceppaia qualora la parte aerea della pianta venga tagliata o danneggiata dal fuoco o da altre avversitř.
Le Angiospermae comprendono due classi: Monocotyledonae e Dicotyledonae a seconda che i giovani germogli abbiano una o due foglioline dette appunto cotiledoni.

 

Queste pagine sono state curate da Gianluca e Matteo Galli e da Carlo Scarcella
ex alunni della Media Quadrio di Ponte in Valtelina,
con testi in parte prodotti dalla classe I A nell'a.s. 1998-1999.
Le foto delle pagine che seguono sono tratte da Gli alberi e il bosco,
i disegni, di R. Bedogn╦ e M. Lafayette, dal sito www.popso.it/libro_funghi/indice_alberi.html
ico_link.gif (883 byte)

 

Scheda seguente

Foto M. Zucchi ę